HOME

Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio

per la città metropolitana di Reggio Calabria e la provincia di Vibo Valentia.

 

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Reggio Calabria e la provincia di Vibo Valentia è stata istituita a decorrere dall'11 luglio 2016 a seguito della riforma ministeriale di cui al DM 23 gennaio 2016, che ha comportato l'accorpamento in un unico istituto di parte delle competenze della Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone e della Soprintendenza archeologia della Calabria.

News

19/04/2017

Apertura Straordinaria festività del 25 aprile 2017

In occasione della festività del 25 Aprile il Museo Archeologico di Rosarno sarà aperto al pubblico dalle ore 14:00 alle ore 20:00. Leggi

11/04/2017

Festività pasquali

In occasione delle festività pasquali il Museo di Rosarno osserverà il seguente orario: Domenica 16 e Lunedì dell'Angelo 17 aprile 2017 ore 14:00-20:00.Leggi

29/03/2017

Un percorso tematico alla riscoperta delle architetture razionaliste della città metropolitana

La Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio a conclusione dell’intervento di restauro dell’edificio Ex Casa del Fascio in Reggio Calabria, oggi sede della Sezione Staccata del Tribunale Amministrativo Regionale per la Calabria, ha installato all’ingresso un totem bifacciale che propone un itinerario tematico sulle architetture pubbliche razionaliste della città. Il percorso si dipana tra viale G. Amendola, corso G. Garibaldi e via C. Battisti con edifici specialistici dedicati a stazione ferroviaria, scuola, caserma, sport e assistenza.Leggi

19/02/2017

Festa della Donna

Il giorno 8 Marzo in occasione della Festa della Donna, è previsto ingresso gratuito delle donne nei musei e luoghi di cultura statali.Leggi

02/02/2017

Accesso agli atti ex lege 241/90 e ss.mm.ii

Si comunica che, con nota prot. 17935 del 15.11.2016, la Direzione Generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio ha disposto che, al fine di garantire l’integrità dei complessi archivistici, non può essere sottratto alcun documento dall’Archivio presso cui è depositato, per essere trasferito ad altro complesso documentale. Leggi